Camminante (Vinicio Capossela)

Ahi, t' ho visto sporta alla ventana seguir lontano il volo del gabbiano hai masticato muta un benvenuto e t' ho incontrata strana non cerco pi? la festa del tuo sguardo n? tantomeno il volto che mi ? amico ti guardo, ti saluto e mi ridico che ? fatica averti i capelli neri e unti come il corvo le labbra strette al nodo dell'orgoglio odiami per non cadere pronto nell'amore che non voglio cos? m'incontro solo, solo e perduto come quando gli uccelli se ne migrano lasciando il loro nido come quando gli uccelli se ne migrano lasciando il loro nido per? resto contento per quello che ? passato mi porto appesa al cuore una promessa e qualche bacio rubato e voglio restar quieto e sognar disperso sognar che stiamo noi due soli e nel mare aperto sognar che stiamo noi due soli e nel mare aperto toglietemi passioni, amici, il riso del saluto, ma non si pu? perdere quello che mai in fondo si ? tenuto non si pu? perder niente se niente si ? mai avuto le seppie han le ossa bianche e l'ippogrifo ha il becco scuro e forte ? il suo nitrito distante come il cielo in Patagonia m'avvio abbracciando i sogni che ho patito distante come il cielo in Patagonia m'allungo ai sogni che ho patito come quando gli uccelli se ne migrano lasciando il loro nido lasciando il loro nido come quando gli uccelli se ne migrano lasciando il loro nido